Home>Le Rubriche>Curiosità>Le altane a Venezia

Le altane a Venezia

Uno degli elementi che caratterizzano l'architettura di molte abitazioni veneziane sono le altane, semplici strutture in legno costruite sopra i tetti delle case, sorrette da pilastri in cemento. Vi si accede per una scaletta in legno o attraverso un abbiaino. La loro origine è molto antica, già nel 1224 si trova riferimento in un documento ufficiale.

Le altane a Venezia sono centinaia, non tutte visibili dalle calli o dai percorsi pedonali. Oggi vengono utilizzate propriamente come terrazze, per prendere il sole o il fresco alla sera d'estate, fare due chiacchiere con gli amici,  con una fetta d'anguria o un bicchiere di prosecco, non ultimo godersi il panorama dall'alto, magari  in occasione di qualche evento particolare,  come il redentore o la regata storica.


Le altane Sono nate come zona di servizio, probabilmente  come compensazione alla mancanza del giardino, che a Venezia per la prossimità  della case, e la presenza dei canali,  rende complicata la realizzazione.

L'altana quindi serviva per stendere i panni, curare i vasi di fiori e di piante, si racconta che durante il periodo della Repubblica Serenissima, le donne veneziane ci salivano per schiarirsi i capelli con i raggi del sole e/o con i prodotti schierenti di allora, lontano da sguardi indiscreti. 

Le altane sono sempre state amate dai veneziani, utilizzate anche solamente per prendersi una boccata d'aria,   rappresentano comunque una  tipologia di manufatto che ha origini tipicamente veneziane, sono diffuse sia nei palazzi d'epoca, che nelle abitazioni di minor pregio artistico, trasformate in deliziosi  angoli di quiete e tranquillità.  

 





La prossima volta che vi trovate a passeggiare a Venezia,  date qualche sguardo all'insu alla ricerca di queste uniche e caratteristiche forme di complemento e arredo urbano.  

 

 

Meteo Veneto

I nostri prodotti