Home>Le Rubriche>News dal Veneto>Soave patrimonio dell'umanità per l'agricoltura

Soave patrimonio dell'umanità per l'agricoltura

Con i suoi pregiati vini e il suo paesaggio viticolo, Soave è stato riconosciuto dal comitato scientifico della Fao come patrimonio agricolo mondiale, secondo il programma Giahs.

Il programma GIAHS promosso dalla FAO ha come obiettivo la promozione di un’agricoltura sostenibile, che conservi uno stretto legame tra paesaggi rurali di particolare interesse storico ed estetico e prodotti alimentari locali, mantenendo una continuità nelle tecniche agricole tradizionali

l'area del Veronese è la prima in Italia a ricevere questo riconoscimento per il settore della viticoltura, dopo un percorso durato 10 anni, motivato "dal modo unico di produrre uva e prodotti a base di uva usando pratiche e conoscenze tradizionali preservando biodiversità ed ecosistemi"

La produzione della vite e del vino nella zona di Soave ha origine fin dall’epoca dell’impero romano per diventare oggi un modello di riferimento per efficienza produttiva, modernità e innovazione, pur mantenendo tradizioni centenarie tramandate di generazione in generazione.

Organizzati in piccoli o piccolissimi terreni, i vigneti riescono a produrre un vino di qualità ed essere competitivi nel mercato grazie al forte senso di cooperazione ed innovazione del consorzio di Soave, un organizzazione sociale fatta dai 3mila viticoltori riuniti in una cooperazione, in un sistema che riesce a garantire sostenibilità e garanzia reddituale per l’intera catena di produzione: viticoltori, produttori di vino e imbottigliatori.

Meteo Veneto

I nostri prodotti