Home>archivio notizie>2014: primi segnali di ripresa per il Veneto.

2014: primi segnali di ripresa per il Veneto.

Secondo i risultati dell’ultimo Rapporto Statistico Regionale, il Veneto si colloca nel gruppo di regioni che nel 2014 registreranno un aumento del PIL superiore alla media nazionale (+0,7 %), e nel 2015 si prevede un consolidamento di questa tendenza alla ripresa pari a 1,7 %.

I settori che risultano essere le prime forze trainanti in tale direzione sono turismo, cultura ed export. Come afferma il vicepresidente della Regione Marino Zorzato, “individuare nuovi percorsi di crescita non è facile, ma il Veneto ha una serie di eccellenze che vanno sicuramente poste in testa e aiutate a crescere perché hanno consentito di restare ai primi posti anche se la crisi si è comunque fatta sentire. Sono realtà economiche che hanno fatto la differenza”, continua Zorzato, “e vanno considerate prioritarie: cultura, export, innovazione e turismo sono gli elementi di eccellenza su cui investire per lo sviluppo futuro. Messi insieme rappresentano circa un quarto del PIL veneto”.
Il Veneto, non a caso, è la prima regione turistica d’Italia con 61,5 milioni di presenze e 16 milioni di turisti, il 65 % dei quali stranieri; le città d’arte, vero tesoro per la nostra regione, costituiscono dei forti poli d’attrazione e negli ultimi tempi sta crescendo esponenzialmente l’interesse dei Paesi emergenti quali Brasile, Russia e Cina.

Punta di diamante per quanto riguarda la produzione regionale resta, come da tradizione, l’eccellente qualità: ai prodotti Belli & Benfatti si aggiungono, visti gli eccezionali traguardi dell’agroalimentare e la ricchezza di risorse regionali in questo campo, i prodotti Buoni.
Il fatto che proprio il turista straniero che viene in Veneto diventi il primo promoter dei prodotti BB&B crea un connubio alquanto promettente per la ripresa economica regionale, che vede intersecarsi tra di loro turismo, cultura, artigianato ed enogastronomia.

La ripresa economica nell’anno 2014 non sarà certo immediata e celere ma, nonostante alcuni dati siano ancora negativi, migliora il clima di fiducia delle imprese per l’ultima parte dell’anno e si delineano miglioramenti progressivi verso un concreto superamento della fase recessiva.
Come ha sottolineato l’assessore regionale al bilancio Roberto Ciambetti, anche molte aziende che avevano delocalizzato stanno gradualmente ritornando a produrre in Veneto perché la qualità dei prodotti realizzati qui non è riproducibile all’estero.

La risposta sembra, quindi, essere ben precisa: il Made in Veneto come garanzia di eccellenza e qualità.

Meteo Veneto

I nostri prodotti