Home>archivio notizie>Casa di Giulietta: arriva la padrona di casa virtuale

Casa di Giulietta: arriva la padrona di casa virtuale

Alla luce di numerose recensioni e commenti negativi su TripAdvisor, e soprattutto dell’effettiva situazione in cui il sito turistico si trova, nasce il progetto di Andrea e Carlo Benatti e Mirko Martinelli della Mox Corporation, che ha il preciso scopo di rivoluzionare e valorizzare la celeberrima Casa di Giulietta Capuleti a Verona.

Realtà virtuale e nuove tecnologie arrivano, così, in un luogo di Verona tanto famoso quanto relativamente abbandonato a se stesso. Come possiamo leggere su TripAdvisor, infatti, i visitatori lo descrivono come “uno scempio”, “uno schifo”, coi muri costellati di mozziconi di sigarette (questo stando solo agli ultimi post), collocandolo, all’interno del sito, solo al cinquantesimo posto tra le cose da vedere a Verona.

I tre promotori, per far rinascere il luogo, propongono un progetto alquanto innovativo, che prevede l’ologramma di Giulietta Capuleti che accoglie i visitatori accanto al camino, immagini proiettate a 360 gradi nel salone, per far rivivere ai visitatori, anche a livello olfattivo, lo scenario della festa danzante che vide sbocciare l’amore protagonista della tragedia shakespeariana.

Prendendo spunto da due progetti di cui la società si occupa, ovvero il Tower Bridge a Londra e il Museo Dynamic Earth di Edimburgo (dove Darwin in persona guida i visitatori illustrando la teoria dell’evoluzione della specie), essi vogliono riportare anche nella Casa di Giulietta quanto è andato perduto: l’emozione.

Come sostengono i Benatti e Martinelli, “Giulietta non è storia, è mito, è narrazione e quindi emozione, un’emozione che noi riteniamo di poter far provare a provare a chi arriva in quel cortile e in quella casa. Oggi quell’emozione non c’è: noi crediamo di essere in grado di crearla, sottolineando che non esiste in Italia un museo che possa offrire un’esperienza di questo tipo”.

Progetto ambizioso, che prevede anche, come nei due musei inglese e scozzese, personale qualificato e multilingue e le migliori tecnologie sul mercato, e che si propone col sistema del project financing: una volta che il Comune avrà approvato e fatto suo il progetto, si aprirà un bando a livello europeo, col quale il miglior offerente se ne aggiudicherà la gestione.

“L’importante è -concludono i tre soci- che casa di Giulietta venga rivalutata, che non si leggano più i giudizi che quotidianamente si leggono in tutto il mondo via Internet, che quella casa non sia più solo un insieme di stanze un po’ spoglie e un po’ tristi, ma diventi qualcosa di veramente imperdibile, per i turisti ma anche per i veronesi.”

Meteo Veneto

I nostri prodotti