Home>archivio notizie>‘Pane in attesa’, l’iniziativa solidale a Treviso

‘Pane in attesa’, l’iniziativa solidale a Treviso

04 marzo 2015

 

Dopo il ‘caffè in sospeso’, tipica usanza del Sud Italia che consiste nel lasciare una caffè pagato ad un ipotetico sconosciuto bisognoso in segno di solidarietà, arriva il ‘Pane in attesa’, iniziativa avviata a Treviso a partire da marzo di quest’anno.

L’idea è tanto semplice quanto ammirevole: entrando in uno dei panifici aderenti all’iniziativa sul territorio comunale, i clienti hanno la possibilità di lasciare un panino pagato a chi ne ha bisogno, acquistandolo alla cassa e depositandolo in una delle apposite ceste, dove sarà a disposizione di chi entrerà in panificio e ne farà richiesta.
Il pane che dovesse eventualmente rimanere nelle ceste, a fine giornata verrà raccolto dall’Associazione Auxilia Veneto e portato nelle sedi di alcune associazioni trevigiane no profit, che provvederanno a distribuirlo tra famiglie in difficoltà economiche o persone senza fissa dimora.
L’idea nasce con finalità puramente umanistiche e solidali, e si pone il duplice obiettivo di aiutare i meno fortunati e di lanciare, in questo modo, un messaggio di solidarietà e partecipazione.
Le ceste destinate a raccogliere il pane sono state costruite dai ragazzi di ANFFAS Treviso sotto l’esperta guida dei volontari dell’Associazione ‘Passione & Percorsi’, dai giovani di ‘Bottega Grafica’ dell’Istituto Penale Minorile e dal progetto ‘Fiaba Girasole’ di Elisa Baldissera e Paola Cocchetto.
Come diceva Jean Cardonnel, “quando gli uomini condividono il pane, condividono la loro amicizia”.
Non resta che sperare che la lodevole iniziativa venga copiata da molte altre cittadine!

 



TESTO Elisa De Conti

 

 




 

 


VEDI ANCHE:

 

Meteo Veneto

I nostri prodotti