Home>archivio notizie>Turismo: la Treviso sotterranea

Turismo: la Treviso sotterranea

Nuova e brillante idea per il rilancio turistico di Treviso, proprio lì dove non si vede, sotto la città.

L'associazione Treviso Sotterranea, composta da un gruppo di cittadini uniti da curiosità e passione, ha presentato al Comune un progetto per sfruttare i cunicoli più nascosti. L’iniziativa sulla Treviso ipogea può trainare turisticamente e dal punto di vista culturale la città e migliorare la consapevolezza che i cittadini hanno del patrimonio straordinario che c'è sotto i loro piedi, grazie ad attività di studio e ricerca, di tutela e valorizzazione.

L’idea è quella di creare veri e propri percorsi per i visitatori fra porta San Tomaso, porta Santi Quaranta, il torrione di Santa Sofia e le mura, che festeggiano il cinquecentesimo anniversario dalla realizzazione. L'associazione compie vere e proprie incursioni notturne, con torce e caschetti, per studiare gli stretti e umidi corridoi sotterranei, che durante le guerre erano usati come sistemi difensivi, passaggi nascosti o depositi di munizioni.

Se si procederà al recupero storico e architettonico, quella che per ora è una interessantissima occasione potrebbe diventare un'opportunità di approfondimento, studio e lavoro anche per molti giovani appassionati di storia e archeologia.

Meteo Veneto

I nostri prodotti