Home>Le Rubriche>Borghi e località>I laghetti di Revine

I laghetti di Revine

In provincia di Treviso nel comune di Revine Lago esitono due suggestivi laghetti di origine glaciale, separati da una piccola lingua di terra. Sono il Lago di San Giorgio e Lago di Santa Maria aventi lunghezza di 1.050 e 1.200 metri e una larghezza dai 200 ai 500 metri, mentre la profondità arriva ai 10/14 metri.

Il comune di Revine Lago (di circa 2.100 abitanti) istituito con il Regio Decreto n.4453 del 14 giugno 1868, si trova sul versante meridionale delle Prealpi trevigiane sulla direttiva Venezia - Belluno, in una vallata denominata Valmarenoa, a circa 17 km dall'uscita autostradale di Vittorio Veneto, seguendo le indicazioni per Follina, Cison di Valmarino e CastelBrando.





Attorno ai due laghi è presente un interessante percorso ad anello di circa 7 km percorribile a piedi o in montain bike che porta ad esplorare gli angoli più affascinanti di un habitat naturale ricco di flora e di fauna, in un paesaggio che comprende canneti , stagni, boschi, un torrente che confluisce nel lago.

Diverse sono le aree attrezzate a verde pubblico intorno al lago, comprese una zona per il Pic nic, una spiaggetta per rilassarsi, prendere il sole ed accedere al lago per un bagno ristoratore

Dal percorso intorno al lago è possibile intraprendere varie stradine e sentieri per  raggiungere località come il Pian de le Femene (a Nord), oppure le località di Gai e Mura (a Ovest), gli abitati di Reseretta, Resera e poi Arfanta (Tarzo) (a Sud), mentre ad Est è possibile raggiungere la frazione di Nogarolo (Tarzo), o accedere al Monte Baldo (590m)

Il paese di Revine invece è molto interessante anche per i suoi caratteristici portici, le piccole borgate e le case in pietra.

Da visitare le rovine dei tre castelli Castel Major (in località nel “Pra de Palazh”), Salt de Casin e il Castello di Monte Frascon, il santuario di San Francesco di Paola visitabile nelle domeniche d'estate e durante la festività del patrono del paese a settembre, la chiesa parrocchiale di San Matteo, e la chiesetta di San Marco risalente al 1755/60

Molte sono le manifestazioni e le iniziative svolte nel territorio durante tutto l'anno ad opera dei suoi abitanti per continuare a mantenere vive le tradizioni locali di un paese legato alla vita contadina, ma che vuole valorizzare il territorio dal punto di vista culturale e turistico.


Leggi anche: 

Meteo Veneto

I nostri prodotti