Home>Le Rubriche>Cucina Veneta>Secondi>La renga di Parona

La renga di Parona

Pubblichiamo la ricetta di un tipico piatto della tradizione veronese a base di pesce, originario di Parona, un piccolo borgo che si affaccia sul fiume Adige.

L'ingrediente principale è la renga (l'aringa) che diventa un ottimo preparato per accompagnare piatti con la polenta, oppure come condimento per la pasta.


INGREDIENTI
• 350 gr circa di aringa sotto sale (non affumicata)
• 1 spicchio d’aglio
• 30 grammi di prezzemolo per chilo
• mezza carota
• mezza costa di sedano
• 100 grammi di capperi
• olio extravergine di oliva


PREPARAZIONE
Desalare le aringhe, facendole scorrere sotto l'acqua corrente, dopodiché disporle all'interno di una pentola idonea ad accogliere tutto il pesce ben disteso e ricoperto di acqua fredda.

Scaldare il contenuto della pentola e portarlo ad ebollizione.

Togliere la pelle e rimuovere completamente le lische al pesce, creando dei filetti di polpa.

Triturare il prezzemolo, il sedano, mezza carota e un ciuffo di prezzemolo aggiungendolo poi in un recipiente con uno spicchio d'aglio sbucciato e lasciato intero.

Riporre i filetti di polpa di pesce all'interno di un nuovo recipiente, abbastanza capiente per contenerlo, ricoprendoli con il condimento all'aglio e prezzemolo,

Aggiungere infine un quantitativo di olio sufficiente per lasciarlo sempre sommerso.

Conservare il pesce in frigorifero per circa 35/40 giorni giorni all'interno del suo recipiente.

Dopo 15/20 giorni  sarà possibile inserire il pesce all'interno di appositi barattoli, sempre ricoperto dall'olio e lasciandoli a completare la maturazione.

 

Una volta terminata la sua completa maturazione, la renga potrà essere conservata per circa un anno.

 

 

Meteo Veneto

I nostri prodotti