Home>Le Rubriche>Curiosità>Aria e Cibo veneto anche nello Spazio

Aria e Cibo veneto anche nello Spazio

L’osservazione del misterioso Universo e delle sue origini accompagna l’uomo sin dall’età dei babilonesi fino ad arrivare in epoca moderna alle missioni di esplorazione spaziale iniziate intorno al 1950, per poi finire con la realizzazione della Stazione Spaziale Internazionale nei primi anni di questo Millennio.

 

Ma la vicinanza allo spazio, sentita da “noi umani”, non è solo merito di scienziati o Agenzie Spaziali come la NASA o L’ESA, ma anche di tante realtà del nostro territorio che contribuiscono a rendere possibile progetti in ambito aerospaziale.

 

Solo per citare qualche esempio:

 

- a Mestre (VE) ha sede la EIE, European Industrial Engineering, società di ingegneria nata nel 1989, eccellenza nel panorama industriale italiano e internazionale nei settori dell’astronomia, dell’astrofisica e della Grande Scienza. La EIE si occupa tra le tante cose di creare macchine, equipaggiamenti per il mondo scientifico, telescopi, radiotelescopi, osservatori astronomici e strumentazione scientifica.

 

- a Santa Maria di Sala (VE) troviamo la Fpt Industrie Spa, leader nel settore della meccanica generale e della stampistica, fondata nel 1969. Fpt ha sviluppato il Friction Stir Welding, tecnologia che permette l’unione per frizione a freddo di parti metalliche anche di grandi dimensioni, come fusoliere e serbatoi per vettori spaziali o motori a reazione.

 

- a Santa Giustina in Colle (PD) si trova l’azienda Del Santo, piccola azienda scelta da Argotec (responsabile europeo dell’alimentazione per gli astronauti per conto di Esa e Nasa) per produrre e confezionare gli alimenti che Samantha Cristoforetti ha voluto portare con sé sulla Stazione Spaziale Internazionale nella sua ultima missione durata circa 200 giorni. Del Santo ha ideato per l’occasione una linea “Space Food”, partendo dalle ricette dello chef Stefano Polato. il compito più difficile è stato quello di creare un prodotto termostabilizzato, che avesse tutte le caratteristiche necessarie per essere consumato in assenza di gravità nello Spazio e fosse garantito per almeno 24 mesi (tecnica di conservazione già usata in precedenza dall’azienda).

 

D’ora in poi quindi, alzando il naso all’insù sognando mondi lontani, ricordatevi l’importanza del MADE IN VENETO. Venetoworld promuove e racconta il territorio e le sue eccellenze.

 

info@venetoworld.com

 

LEGGI ANCHE:

Meteo Veneto

I nostri prodotti