Home>Le Rubriche>Curiosità>La Fontana delle Tette

La Fontana delle Tette

Passeggiando per il centro di Treviso, potreste imbattervi, percorrendo la galleria che collega il Calmaggiore alla Piazzetta della Torre e alla Calle del Podestà, in una singolare statua in marmo, posta al centro del cortile di Palazzo Zignoli, raffigurante un mezzo busto di donna che si regge i seni con le mani: è la celebre Fontana delle Tette (per la precisione, una copia dello scultore peruviano Miguel Miranda).

Questa fontana, il cui originale, seriamente danneggiato, si trova in una teca sotto il portico del Palazzo dei Trecento in Piazza dei Signori, fu costruita nel 1559 per ordine di Alvise Da Ponte, che in quegli anni era podestà della Repubblica di Venezia, dopo che la città di Treviso fu colpita da una forte siccità.
Dalla Fontana delle Tette, originariamente ubicata all’interno del Palazzo Pretorio, sgorgavano vino rosso da un seno e vino bianco dall’altro in occasione della proclamazione di un nuovo podestà, e questo avvenne fino alla caduta della Serenissima nel 1797.

In seguito venne rimossa e recuperata molti anni dopo dall’abate Luigi Bailo, che la collocò nel Museo Casa Da Noal, e che oggi possiamo ammirare, appunto, sotto il portico del Palazzo dei Trecento, in pieno centro città.

 


VEDI ANCHE:

Meteo Veneto

I nostri prodotti