Home>Le Rubriche>Curiosità>Montagnana, gioiello medievale splendidamente conservato

Montagnana, gioiello medievale splendidamente conservato

“Bandiera arancione” per le sue bellezze storiche e per la valorizzazione dei prodotti tipici, situata a poca distanza da prestigiose città d’arte quali Padova, Verona, Vicenza, Mantova e Ferrara, Montagnana, una tra le più belle città murate al mondo, è una località del padovano facente parte dell’associazione “I borghi più belli d’Italia” e conserva, praticamente intatta, la cinta muraria medievale che si snoda per quasi due chilometri abbracciando al suo interno il centro cittadino. 

 



La possente muraglia, tra le meglio conservate a livello europeo, è rafforzata da ventiquattro torri esagonali e da poderosi castelli. Le mura attuali, a parte il complesso di Castel San Zeno e i tratti di cinta ad est e ad ovest che sono più antichi, risalgono alla metà del Trecento, quando i signori di Padova, i Carraresi, decisero di ampliare e rafforzare quella che, fin dal tardo neolitico, per la sua favorevole posizione geografica, si definì come punto strategico, tanto che già in epoca romana costituiva un punto ideale per il controllo della regione anche grazie al fiume Adige, che la attraversò fino alla Rocca della Cucca, disastrosa alluvione avvenuta nel 589, causata dallo straripamento del corso d’acqua, che ebbe come conseguenza lo sconvolgimento idrografico che, tra il VI e l’VIII secolo d.C. modificò notevolmente il panorama fluviale del basso Veneto.
Sotto il dominio della famiglia dei Marchesi in epoca feudale e piazzaforte centrale nel contesto della lotta tra Papato e Impero e, successivamente, sotto il controllo dei Da Carrara, nel 1405, dopo anni di resistenza a Venezia, Montagnana si consegnò alla Serenissima, perdendo importanza militare, ma acquistando prestigio dal punto di vista economico e culturale, arricchendosi di beni artistici grazie alla presenza dei nobili veneziani che la adottarono come luogo di residenza.
Oltre che per lo straordinario complesso murario, Montagnana incanta per il suo tessuto urbano, con strade ed edifici del periodo rinascimentale, con il quattrocentesco Duomo dedicato a Santa Maria Assunta dall’imponente stile tardo-gotico che, al suo interno, ospita la Trasfigurazione di Paolo Veronese e tre tavole di Giovanni Buonconsiglio detto il Marescalco, con l’antico Monte di Pietà, la Rocca degli Alberi, costruita dai Carraresi tra il 1360 e il 1362, e il Castello di San Zeno, risalente al XIII secolo, quando Ezzelino, dopo aver dato alle fiamme la città nel 1242, decise di fortificarla maggiormente.

Le mura di Montagnana, inoltre, sono state inserite tra i “Luoghi del Cuore”, iniziativa promossa dal FAI.
Nelle nostre terre venete, a cavallo tra le tre meravigliose province di Padova, Vicenza e Verona, si conserva uno dei gioielli medievali più preziosi del nostro Belpaese.


di Elisa De Conti

 

VEDI ANCHE:

Meteo Veneto

I nostri prodotti