Home>Le Rubriche>Curiosità>Palladio: il primo architetto globale della storia

Palladio: il primo architetto globale della storia

Nel cinquecento, dalla campagna veneta, la sua arte ha attraversato spazio e tempo influenzando l’architettura per 5 secoli.


Nonostante non abbia mai lasciato il Veneto, Palladio è considerato il primo architetto globale della storia. La sua architettura, infatti, ha attraversato secoli e continenti, diffondendo elementi palladiani dalla Russia zarista fino alla Casa Bianca. L’edificio modello era La Rotonda, una villa tempio commissionata nel 1566 del prelato Paolo Almerico.

Vi siete mai chiesti perché nacquero le ville venete?

La presenza turca nel mediterraneo aveva spinto nel XV secolo la Serenissima a bonificare le zone paludose. Così i nobili veneziani, tra il 1530 e il 1560, chiesero residenze nelle proprietà di campagna per gestire da vicino le attività agricole. Da qui la necessità di progettare dimore di rappresentanza dotate di due ali laterali, le “barchesse”, dove tenere gli attrezzi ed i prodotti agricoli. Sorsero così una trentina di Ville Venete firmate Palladio: l’architetto inseguì l’ideale di bellezza classica adeguandosi però alle esigenze dell’epoca.

Curiosità:
- Nel 2010 il Congresso americano lo ha nominato “padre dell’architettura americana”
- Jefferson, terzo presidente USA, progettò nel 1819 la biblioteca di Charlottesville ispirandosi alla Rotonda.
- Caterina II di Russia diede il via al palladianesimo invitando a corte nel 1779 Giacomo Quarenghi.

 

VEDI ANCHE:

 

 

Meteo Veneto

I nostri prodotti