Home>Le Rubriche>Curiosità>Vi siete mai chiesti perché Venezia sia invasa dai piccioni?

Vi siete mai chiesti perché Venezia sia invasa dai piccioni?

Vi siete mai chiesti perché Venezia sia invasa dai piccioni? Tutti noi, almeno una volta nella vita, abbiamo dato da mangiare a questi strani esseri che scattano appena ci si avvicina. Non ditemi poi che non li avete mai rincorsi cercando di prenderli, o abbindolati con dei chicchi di grano comprato in Piazza San Marco! Ma ecco alcune ipotesi sulla loro massiccia presenza sull’isola:

 

La prima leggenda vuole che una coppia di questi uccelli sia stata donata ad una dogaressa triste per la lontananza del suo amato Doge. La coppia di piccioni, maschio e femmina, avrebbe dovuto allietare le giornate della donna, togliendole un po’ di sofferenza.

 

C'è chi sostiene invece che i primi fossero stati inviati a Venezia dal Doge Enrico Dandolo per annunciare la vittoria a Costantinopoli e la relativa conquista della città: per la gioia, i due animali sarebbero poi stati nutriti dalla popolazione in festa, e di lì in poi sarebbero proliferati.

 

Altra ipotesi, più triste delle altre, narra che i piccioni provenissero dalla terraferma, accompagnando i profughi di Altino (452 d.C.).

 

Un’altra leggenda racconta che la domenica delle Palme i rappresentanti dei sestieri donassero al doge una coppia di piccioni, per poi cacciarli e mangiarli la domenica di Pasqua. Alcuni di questi sarebbero riusciti a scappare.

 

Unica cosa certa è che i colombi furono utilizzati dai mercanti, dalle spie e dagli ambasciatori veneziani all’estero per comunicare molto rapidamente con la madre patria, e per questo motivo vennero sempre tenuti, nutriti, curati ed utilizzati.

 

In pace e in guerra questi particolari “postini” diedero il loro contributo per la crescita, lo sviluppo e la prosperità della Serenissima. Ora si sono moltiplicati in modo esponenziale, tanto da creare dei problemi ai cittadini e alla città, anche se i turisti continuano ad apprezzare la loro simpatica compagnia.

 

Eva Nardo

 

Conoscete qualche altro possibile motivo della loro presenza? Scriveteci a info@venetoworld.com.

Potete anche inviarci qualche foto con queste simpatiche, a volte fastidiose, presenze.

 

LEGGI ANCHE:

Meteo Veneto

I nostri prodotti