Home>Le Rubriche>Misteri e leggende>La Carega del Diavolo

La Carega del Diavolo

Nel Parco Regionale dei Colli Euganei in località Calaone di Baone, sulla strada che porta a Valle San Giorgio,
si trova un grosso masso a con le sembianze di una sedia, noto come la Carega del diavolo.

Vicino al grande macigno trachitico oltre ad altri massi minori, si trova la Fontana delle Muneghe e il poggio di Salarola, dove sorgeva il monastero benedettino femminile di S. Margherita.

Questi luoghi hanno ispirato la leggenda della Carega del Diavolo.

La leggenda racconta che la “carega” fosse in realtà il trono del diavolo, che esercitava le sue lusinghe su chi si trovava a passare nei paraggi, assumendo aspetti diversi per impadronirsi delle anime abbaglaindogli con un raggio di luce.

Un giorno, all’alba, un bruno cavaliere staccandosi dal gruppo con cui stava cavalcando, si diresse verso la fontana dove una monaca stava riempiendo la sua anfora. Un bagliore confuse la vista della monaca che cadde annegando nella fontana. Il suo grido di fu udito al Monastero di Salarola, due consorelle accorsero immediatamente, cercando di salvare la monaca annegarono anche loro.

Il sacrificio delle tre anime pure avevano liberato la  "Carega del Diavolo” dal maleficio. Da allora la fontana prese il nome “delle Muneghe” (monache), ogni fantasma maligno e adescatore scomparve dai luoghi e la “strigheta” o barbaglio, ottenuto con uno specchio che riflette i raggi solari, divenne gioco di fanciulli.

Meteo Veneto

I nostri prodotti