Home>Le Rubriche>Misteri e leggende>Rovigo tra misteri e leggende

Rovigo tra misteri e leggende

Rovigo è conosciuta come la città delle rose, anche il suo nome secondo una leggenda deriverebbe da Rhodon, ovvero dalle rose che in questi luoghi fiorivano spontaneamente nell'antichità, tuttavia non mancano le storie di misteri e fantasmi

Si racconta che ancora oggi in un antico palazzo del centro storico, appaia da una finestrella il volto di una suora , che tantissimi anni or sono, si lasciò morire proprio in quella stanzetta del palazzo, all’interno della quale si era fatta rinchiudere.

Sempre a Rovigo nel cimitero si racconta di un episodio misterioso, dove un uomo che per scommessa decise di trascorrervi all'interno tutta la notte, ma al mattino seguente fu trovato misteriosamente morto. Sul ghiino apparse una scritta imcomprensibile nel probabile tentativo dell'uomo di cominucare qualcosa prima di morire. La situazione di come fu trovato kl'uomo con gli occhi sbarrati il volto terrorizzato hanno alimentato questa leggenda.

Un'altro mistero o leggenda riguarda l'Ospedale Psichiatrico di Granzette frazione del comune rodigino, progettato nel 1906 e chiuso nel 1997, ora in stato di abbandono. Il manicomio inaugurato nel 1929,  fu utilizzato per scopi bellici dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Per un periodo convissero le sofferenze dei prigionieri di guerra e quelle dei malati mentali che all'epoca erano costretti a subire cure a base di costrizioni e torture, fisiche, e chimiche.

 


Chi abita nei pressi dall’ex Ospedale Psichiatrico racconta di voci e urla provenienti dalla struttura, soprattutto nelle notti di luna piena, riconducibili a presenze o entità che ancora abiterebbero in questo luogo.

In una stanza che ospitò una bambina, sulle pareti vi sarebbe una scritta da lei lasciata riferibile ad una sorta di maledizione per chiunque entrerà in quella stanza.

Un'altra leggenda che riguarderebbe il manicomio di Granzette è quella in cui nel 1945 durante la ritirata dei tedeschi, vi avrebbero lasciato un tesoro, nascosto nei sotterranei in qualche sottotetto o pertinenza rimasta segreta. Nessuno a quanto sembra è tornato a reclamarlo.

Naturalmente ognuno è libero di crederci o meno, vogliamo solamente raccontare, per chi volesse approfondire ,  il materiale non manca.   

VEDI ANCHE:

Meteo Veneto

I nostri prodotti