Home>Le Rubriche>News dal Veneto>E’ la culla del Prosecco la Città Europea del Vino 2016

E’ la culla del Prosecco la Città Europea del Vino 2016

18 novembre 2015


Dopo Monsaraz nel 2015, e ancor prima Jerez de la Frontera nel 2014 e Marsala nel 2013, è il turno del distretto di Conegliano - Valdobbiadene di ricoprire il prestigioso ruolo di Città del Vino 2016.

A rappresentare il Prosecco Superiore DOCG, i quindici comuni che, insieme, ne rappresentano il cuore dell’area di produzione.
La bella notizia non può che essere motivo d’orgoglio per i sindaci dei paesi interessati, primi fra tutti il sindaco di Conegliano, Floriano Zambon, e il primo cittadino di Valdobbiadene, Luciano Fregonese, che lo scorso 16 ottobre avevano annunciato insieme la candidatura delle due città all’importante carica.
La vittoria assume un ruolo di primo piano dal punto di vista del marketing e del turismo per il Prosecco e i suoi territori, promettendo di dirottare milioni di visitatori in più sulle colline del Prosecco nell’anno 2016. E il nuovo riconoscimento non equivale solamente ad un incremento del flusso turistico per l’anno venturo: la Città Europea del Vino, infatti, permetterà a un gruppo di giovani viticoltori europei di partecipare ad uno stage formativo presso il Cerletti di Conegliano, prima scuola enologica d’Italia, in collaborazione con l’Università di Padova e il Condifesa Treviso.

Il riconoscimento di Città Europea del Vino a Conegliano - Valdobbiadene cade a fagiolo in questo periodo che vede le colline del Prosecco in lizza per la candidatura a Patrimonio dell’Umanità UNESCO.


di Elisa De Conti

VEDI ANCHE:

 

Meteo Veneto

I nostri prodotti