Un’attrazione per l’arte antica, la passione del collezionismo, una disponibilità economica ampia, un grande amore per l’Umanesimo, ma anche un’apertura mentale verso la modernità: sono le caratteristiche della personalità e del collezionismo di Vittorio Cini, che ritroviamo in tutto ciò che la sua dimora, Palazzo Cini a San Vio, contiene. Palazzo Cini, in occasione del sessantennale dell’Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Giorgio Cini, riapre al pubblico sabato 24 maggio in maniera stabile, dopo anni di aperture limitate solo a visite guidate, eventi speciali e mostre temporanee. La preziosa casa-museo, d’ora in poi fruibile per sei mesi l’anno, conserva mobili e arredi di pregio, smalti rinascimentali, oreficerie, sculture in terracotta e una straordinaria raccolta di dipinti di scuola toscana.


Nel riaprire al pubblico questo magnifico scrigno sono stati intrapresi dei lavori di miglioramento dell’illuminazione e conservazione dei dipinti, rendendo più agevole il percorso espositivo con una innovativa tecnologia che permette di modulare, di volta in volta a seconda delle esigenze, i toni caldi e freddi della luce sulle tele permettendo una visione dei colori differenziata che aiuta nella lettura dell’opera. La visita parte dalla Sala della portantina, che custodisce la serie di rami smaltati e gli avori bizantini e gotici, si continua poi con la Sala dei Primitivi, con dipinti e sculture toscane e dell’Italia centrale del Due e Trecento. Seguono la Sala dei polittici con opere del Giotto e del Guariento e la quarta sala che espone i capolavori della raccolta, con Piero della Francesca e Botticelli e nella quale è ora contenuto «Ritratto di giovane con liuto» di Agnolo Bronzino, proveniente dalla Galleria degli Uffizi, che rimarrà esposto fino al 20 luglio. L’esposizione si conclude in bellezza con la sala dedicata all’officina ferrarese, dove spiccano alcuni capolavori che sintetizzano la stagione estense.

Ti potrebbe interessare anche:

Curiosità, Lago di Garda: nasce la mappa delle spiagge

Radicchio: re della crescita

Venezia: nasce il Parco della Laguna Nord

Scopri gli eventi e le nostre aziende